PALMA- DOLCE & GABBANA SCELGONO PALMA DI MONTECHIARO

Inserito da
Dolce & Gabbana ha scelto Palma di Montechiaro, nell’Agrigentino, per esporre le creazioni esclusive dei due stilisti che rievocheranno la storia e lo stile della cittadina della famiglia Tomasi di Lampedusa e de “Il Gattopardo”. Il Comune, con in testa il sindaco Stefano Castellino, ha aderito all’evento che si terrà il prossimo 4 luglio e ha già concesso il patrocinio gratuito. Gli stilisti organizzeranno una festa nei cortili, nei chiostri e nelle strade. Ci saranno stendardi ai balconi, fiori e la banda di paese in giro per le vie. A Palma dovrebbero arrivare almeno 300 ospiti provenienti da tutto il mondo e 50 giornalisti di testate internazionali. L’evento si terrà al palazzo Ducale e coinvolgerà anche la chiesa Madre e il monastero del Santissimo Rosario

.

 

Dolce & Gabbana trasformano Palma di Montechiaro in un palcoscenico a cielo aperto
Le creazioni ideate, create e realizzate in pezzi unici valorizzeranno e rievocheranno, quindi, la storia e lo stile di Palma di Montechiaro, della famiglia Tomasi di Lampedusa e de “Il Gattopardo”. Perché Palma di Montechiaro è conosciuta in tutto il mondo come la città de “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, da cui nel 1963 è stato tratto il film diretto da Luchino Visconti. “

Dolce & Gabbana trasformano Palma di Montechiaro in un palcoscenico a cielo aperto
Durante la serata, gli stilisti organizzeranno una coinvolgente festa: cortili, chiostri e vie cittadine verranno scenografati, ci saranno stendardi ai balconi, fiori e la banda di paese in giro per le strade. Palma di Montechiaro – con la sua vitalità culturale, la sua energia e la sua storia – accoglierà gli ospiti che saranno guidati attraverso un percorso storico che attraverserà il cuore della città.  A Palma dovrebbero arrivare, ma il numero è già dato in aumento, oltre 300 ospiti provenienti da tutto il mondo e 50 giornalisti appartenenti alle testate internazionali più rilevanti, tra le quali il Time, The Wall Street Journal, The Financial Times. L’evento internazionale si terrà il 4 luglio al palazzo Ducale e coinvolgerà, appunto, anche la chiesa Madre e il monastero del Santissimo Rosario. Ci sono già i nulla-osta rilasciati dalla Curia arcivescovile di Agrigento per l’utilizzo della chiesa del Monastero del Santissimo Rosario dal 29 giugno al 5 luglio e per la chiesa Madre dal primo al 5 luglio. “

Palma è considerata una ‘città santa’. Già dalla sua fondazione fu concepita come un luogo fortemente spirituale, una “Nuova Gerusalemme”, insomma.
E saranno proprio Palazzo Ducale, la Chiesa Madre e anche la Chiesa di Maria Santissima del Rosario il set esclusivo del noto brand per un giorno (il 4 luglio 2019).
Il Palazzo Ducale ha due facciate, una rivolta verso il mare e l’altra verso oriente. Dall’esterno non è nulla di eccezionale, ma al suo interno nasconde decori raffinatissimi, soffitti a cassettoni dipinti, diversi per ogni sala del palazzo.
La Chiesa del Rosario è una delle opere più significative del Barocco siciliano e fu fatta costruite proprio dalla famiglia dei Tomasi di Lampedusa.
Ci sono anche un castello, il Castello Chiaramonte, e persino un santuario, il Santuario di Monte Calvario. Per il momento non sono stati opzionati dai due stilisti D&G per la loro festa, ma non è detta l’ultima parola.
Notizie : PALMA-CARTOLINE dalla TERRA DEL GATTOPARDO (docu-film)

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy (leggi di più). Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.Ok leggi di piu

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi